Biomasse

Si definisce biomasse qualsiasi sostanza organica residuale, di origine vegetale o animale, destinata a fini energetici o alla produzione di ammendante agricolo, essa dunque rappresenta una sofisticata forma di accumulo dell’energia solare.

Infatti, tramite il processo di fotosintesi le piante convertono la CO2 atmosferica in materia organica. La biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili ovvero trasformati in altre sostanze (solide, liquide o gassose) di più facile utilizzo negli impianti di conversione.

Altre forme di biomassa possono, inoltre, essere costituite dai residui delle coltivazioni destinate all’alimentazione umana o animale (paglia) o piante espressamente coltivate per scopi energetici. I processi per l’utilizzo delle biomasse sono due:
1. Processi di conversione biochimica che permettono di ricavare energia per reazione chimica dovuta al contributo di enzimi, funghi e micro-organismi, che si formano nella biomassa sotto particolari condizioni.
2. Processi di conversione termochimica sono basati sull’azione del calore che permette le reazioni chimiche necessarie a trasformare la materia in energia (in particolare: combustione diretta, carbonizzazione, pirolisi, gassificazione).

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.